Autotrasporti btc zona assunzione

I principali controlli si soffermano su presunti redditi non dichiarati, sulle imposte presunte non pagate e sui contributi versati ai lavoratori dipendenti.

autotrasporti btc zona assunzione

Secondo talune di queste verifiche, in pratica, gli autotrasportatori indicherebbero nella busta paga dei loro dipendenti una parte della retribuzione autotrasporti btc zona assunzione indennità di trasferta o rimborso chilometrico, al fine di godere di agevolazioni fiscali e contributive.

A penalizzare gli autotrasportatori italiani, dunque, non solo la fiscalità ma gli elevati costi di esercizio causati sia dalle carenze di infrastrutture ma anche dalle spese assicurative di mezzi, persone e merci, il caro gasolio e, non ultimo, i costi dei pedaggi.

autotrasporti btc zona assunzione

Per far fronte a questo gap, quindi, i trasportatori italiani sono costretti a viaggiare in rimessa, abbassando molto i costi pur di sostenere la concorrenza transalpina. Con queste riduzioni, e quindi con queste diminuzioni dei benefici fiscali concessi ai già ultratassati autotrasportatori, il rischio è di dare il colpo di grazia ad una categoria che negli ultimi anni ha visto un netto calo dei ricavi ed anche una grande chiusura di imprese.

autotrasporti btc zona assunzione

Ulteriori approfondimenti sono comunque dovuti in dipendenza delle specificità dei singoli casi concreti, anche ma non solo per verificare che le informazioni siano aggiornate al momento in cui servono.

È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

autotrasporti btc zona assunzione

Informazioni importanti